Durante il percorso dietetico i controlli periodici sono fondamentali per controllare l’andamento del peso e delle circonferenze, ma soprattutto della composizione corporea e dello stato di nutrizione.
I controlli hanno un ruolo cruciale anche per mantenere alte le motivazioni, porsi costantemente degli obiettivi e apportare modifiche al piano dietetico personalizzato.

In occasione delle visite di controllo, oltre a valutare peso e misure antropometriche, mediante bioimpedenziometria si misura massa magra, massa grassa, stato di idratazione e stato di nutrizione per analizzare i progressi durante la dieta.

Una volta raggiunti gli obiettivi prefissati all’inizio del percorso viene elaborata una dieta di mantenimento, che avrà il compito di far restare il peso e la composizione corporea stabili. In questa fase i controlli, più distanziati nel tempo, restano importantissimi per garantire il mantenimento dei risultati raggiunti.

Alla fine di questa seconda fase il soggetto avrà imparato a mangiare in modo corretto e sano, sarà indipendente e non necessiterà più dell’aiuto di un Nutrizionista. Da lì in poi gli sarà sufficiente seguire le linee guida assimilate durante il percorso educativo alimentare, in modo da non commettere gli stessi errori del passato.